Sezioni

PRODUZIONE SCIENTIFICA

Contributo ENEA alla security

Tipo di pubblicazione: DOSSIER

A cura di: R. Fantoni, G. Gherardi, C. Moriconi, F. Padoani, A. Palucci, F. Troiani

Editore: ENEA

pp. 30, 2009

Prezzo: gratuito

La crescente necessità di proteggere il cittadino da attentati terroristici, che dal 2001 è diventata pressante anche nei paesi occidentali, pone il problema dell’utilizzo ottimale delle risorse tecnologiche già disponibili, eventualmente reindirizzabili o da sottoporre a sviluppi specifici negli enti di ricerca italiani caratterizzati da un’ampia interdisciplinarietà, quali l’ENEA ed il CNR.

A riguardo è ben noto che l’ENEA, con la sua precedente tradizione nucleare, ha un posizionamento unico in Italia per le competenze in rivelazione di materiale attivato e in radioprotezione. Meno note, ma non meno importanti per azioni integrate nell’ambito della security, sono le competenze sviluppate in ENEA in altri ambiti quali la protezione dell’ambiente e della salute, e quelle in ambito puramente tecnologico (rivelazione di specie chimiche pericolose quali gas tossici ed esplosivi, protezione di reti energetiche, ecc…).

Questo dossier è stato scritto per sottolineare il patrimonio di competenze ENEA già disponibili per la nazione ed in parte integrate con alcuni stakeholder nazionali ed internazionali, e per evidenziare le potenzialità delle diverse unità operative dell’ENEA sull’intero scenario pertinente alla security nelle cinque diverse fasi di un evento di security (prevenzione, intervento, bonifica, test di strumentazione e formazione di operatori).

Il dossier termina con una breve rassegna delle principali fonti di finanziamento nazionali ed internazionali, accessibili a consorzi con partecipazione di gruppi accademici e di enti di ricerca, di gruppi industriali e di end-user istituzionali, per progetti dedicati alla ricerca nel settore della security.

NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

SCARICABILE IN RETE