Sezioni

FOCUS FISSIONE NUCLEARE

Riserve e risorse

Per tutte le fonti energetiche, esiste una distinzione1 tra:

  • le riserve, che sono i depositi già identificati e sfruttabili in maniera economicamente competitiva con le tecnologie disponibili;
  • le risorse, che sono i depositi indicati come probabili ma sfruttabili a costi non competitivi o che ancora non sono stati identificati con certezza.
Le riserve

La valutazione della disponibilità, negli anni a venire, di qualunque combustibile è legata al prezzo delle materie prime, degli investimenti e delle nuove tecnologie che possono rendersi disponibili.

Per i combustibili fossili esiste un indicatore che aiuta a superare queste incertezze: il rapporto R/P dove R indica le riserve attualmente stimate e P la produzione annua attuale.

In base a questo rapporto R/P2 la disponibilità di petrolio è stimata in 41,6 anni, quella di gas in 60,3 anni e quella di carbone in 133 anni.

Utilizzando lo stesso indicatore per la fonte nucleare, a fronte di riserve totali attuali accertate3 di oltre 6 milioni di tonnellate di uranio e assumendo un consumo annuo pari a quello del 2008, necessarie ad alimentare l'attuale flotta di 439 reattori nucleari per una potenza installata di 370 GWe, si ottiene una disponibilità di uranio per almeno 100 anni con funzionamento dei reattori in ciclo aperto. Le riserve di uranio non sono solo abbondanti, ma sono anche disponibili in molte e diverse aree del pianeta, a differenza di quelle di petrolio e gas che sono concentrate in pochi Paesi.

Il ricorso alla fonte nucleare, perciò, attenua i problemi relativi alla sicurezza degli approvvigionamenti energetici dai Paesi produttori di fonti fossili, che vede una concentrazione per il 70% nel Medio Oriente4 . Inoltre, il combustibile nucleare necessario alla produzione di energia ha un volume molto più limitato rispetto a quello dei combustibili fossili, con evidenti vantaggi logistici nella costituzione di scorte strategiche.

Le risorse

Distribuzione globale delle risorse di uranio identificate al 2007
(fonte: NEA, Uranium 2007: Resources, production and demand)

Mentre le stime sulle riserve sono una "istantanea" delle informazioni disponibili sulle risorse, è più difficile fare un inventario della quantità totale di materie prime esistenti.

Come già è avvenuto in passato, per l'uranio si attendono ulteriori scoperte, se le condizioni di mercato continueranno ad essere favorevoli e quindi a stimolare l'esplorazione dei giacimenti.

Si valuta che, in caso di forte espansione della produzione globale di energia nucleare, nell’ipotesi che si triplichino il numero di centrali e che si utilizzi un ciclo aperto del combustibile,5 la disponibilità di uranio, che attualmente sarebbe in grado di sostenere questo scenario fino al 2050, potrebbe aumentare a più di 100 anni6 . In quanto detto non è stato incluso l'effetto dell’avvento dei reattori veloci, funzionanti a ciclo chiuso7 , una tecnologia già nota e in grado di moltiplicare la durata le risorse per circa 60 volte rispetto alla attuale, portandola all’ordine di migliaia di anni.

In aggiunta alle risorse convenzionali di uranio, ci sono anche le fonti di uranio “non convenzionali” che potrebbero essere sfruttate per aumentarne la disponibilità. Anche se ulteriori esplorazioni sono necessarie per confermare questo dato, si stima che l’uranio contenuto nelle rocce di fosfato porterebbe le riserve a 22 milioni di tonnellate.

Resterebbe comunque sempre possibile, sotto la spinta della crescita della domanda e del prezzo, l’espansione delle riserve al torio (risorse per 2,5 milioni di tonnellate) e a quelle presenti nell’acqua di mare (circa 4,5 miliardi di tonnellate).

Questa larga disponibilità di uranio, una fonte di energia a basse emissioni e suscettibile di espandersi grandemente attraverso prevedibili sviluppi tecnologici, va confrontata con le riserve dei combustibili fossili. Anche per queste, prevedibilmente, il prezzo delle materie prime definirà l'appetibilità di fonti non convenzionali, ma difficilmente si modificherà il problema di un livello di emissione incompatibile con uno sviluppo sostenibile.

1 Resources to Reserves - Oil and Gas Technologies for the Energy Markets of the Future, IEA, 2005.

2 Rapporto British Petroleum 2008.

3 Joint NEA-IAEA Report “Uranium 2009: Resources, Production and Demand”.

4 National Petroleum Council (NPC), www.npc.org.

5 Con stoccaggio del combustibile irradiato, senza recupero dell’uranio e del plutonio.

6 Con stoccaggio del combustibile irradiato, senza recupero dell’uranio e del plutonio.

7 Con stoccaggio del combustibile irradiato, senza recupero dell’uranio e del plutonio.