Sezioni

Home  Comunicare la ricerca  Eventi  L'applicazione del Regolamento REACH: il caso dell'acetone. Schede di sicurezza e scenari di esposizione

ARCHIVIO

RESOCONTI

EVENTI

Resoconti 2010

Patrimoni urbani. Tecnologie per una rinascita sostenibile

9 giugno 2010, Roma

L’incontro del 9 giugno presso l’Associazione Civita ha costituito un’occasione per discutere, con autorevoli esperti, le modalità per prevenire gli effetti dei disastri naturali che colpiscono i centri storici e il ruolo che, in questo senso, possono svolgere la ricerca e le nuove tecnologie, favorendo in questo modo sia le fasi di conservazione, sia quelle di valorizzazione del patrimonio culturale e contribuendo allo sviluppo di tutto un territorio.

Sono stati anche evidenziati i contributi che le nuove tecnologie possono offrire sia nei settori direttamente correlati con i beni e le attività culturali, sia nei settori che possono contribuire al rilancio della filiera economica, a cui è infine affidata la reale possibilità di rafforzare il tessuto sociale e di creare le condizioni positive necessarie alla realizzazione di un progetto di rinascita culturale: rientrano in questi ambiti le tecnologie per il recupero edilizio, per la caratterizzazione antisismica, per il risparmio energetico e per il monitoraggio ambientale.

La partecipazione all’incontro di rappresentanti di istituzioni nazionali e internazionali ha consentito di confrontare esperienze e di verificare politiche e modelli tradizionali e innovativi con l’obiettivo di esaminare utilmente il tema della conservazione del paesaggio urbano da molteplici punti di vista e con diverse finalità.  In presenza di un evento drammaticamente distruttivo come quello aquilano, la rinascita del patrimonio culturale è legata ad un concreto, sinergico contributo di istituzioni pubbliche, imprese, privati ed enti ecclesiastici affiancati nello sforzo di ricostruire e far rivivere i tratti forti di quel laborioso e fattivo clima sociale e culturale, che è giunto fino a noi fin dalle origini medioevali del capoluogo abruzzese passando indenne attraverso i precedenti eventi sismici del XIV e XVIII secolo, e che non può vedere la sua conclusione alle ore 3.32 del 6 aprile 2009.

Si riportano nel seguito alcune relazioni presentate:

Programma dell’evento