Sezioni

Home  Comunicare la ricerca  Eventi  Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence

ARCHIVIO

RESOCONTI

EVENTI

Dal Telerilevamento al Geo-Spatial Intelligence

16-17 settembre 2010, Taranto

I  dati satellitari offrono ormai un panorama assai promettente per lo sviluppo di metodologie per il monitoraggio dell’ambiente e del territorio e i data providers offrono immagini ad elevata risoluzione spettrale e prodotti pre-elaborati rivolti agli analisti territoriali per la produzione di cartografia tecnica e tematica. I produttori di tecnologia “remote sensing” offrono moduli per l’elaborazione delle immagini da telerilevamento satellitare e aereo fortemente orientati all’estrazione automatica/semiautomatica di tematismi e completamente integrati negli applicativi GIS.

Contemporaneamente, a livello mondiale vi è grande attenzione per le problematiche connesse alla sicurezza globale e alla predisposizione di efficienti apparati tecnici e organizzativi per rispondere rapidamente alle situazioni di emergenza. Queste problematiche hanno un comune denominatore: mettere insieme velocemente le informazioni necessarie per avere un quadro aggiornato, real-time, della situazione. I progressi della tecnologia come le SOA Service-Oriented Architectures, le applicazioni geospatial content management di tipo avanzato, il Mobile GIS e la connettività a larga banda rendono effettivamente praticabile ed economicamente sostenibile lo sviluppo di soluzioni potenti e di semplice uso per un nuovo paradigma dell’informazione geografica definito “Geospatial Intelligence” (GEOINT). 

Per “Geospatial Intelligence” si intende lo sfruttamento e l’analisi di immagini e informazioni territoriali per descrivere, valutare e rappresentare visivamente entità fisiche e attività localizzate geograficamente: si tratta, dunque, di una integrazione tra immagini, fotointerpretazione ed informazione geografica. La “Geospatial Intelligence Exploitation” è, dunque, una generalizzazione del concetto di monitoraggio, nel contesto delle tecnologie “duali”, che sfrutta tutte le potenzialità del patrimonio di informazione geografica “tradizionale” integrata dalle nuove sorgenti di dati delle sensoristiche di ogni tipo (militari e civili). 

Il Workshop prevede una serie di relazioni (orali e poster) su queste problematiche relativamente a tecnologie e casi di studio, con lo scopo di definire lo stato dell’arte nel territorio nazionale.  

Programma

Abstract presentazioni