Sezioni

Home  Comunicare la ricerca  Eventi  Tecnologie geomatiche per il monitoraggio e la gestione dell'ambiente costiero

ARCHIVIO

RESOCONTI

EVENTI

Resoconti 2009

Tecnologie geomatiche per il monitoraggio e la gestione dell'ambiente costiero

17-18 settembre 2009, Pozzuolo di Lerici (La Spezia)

Le aree costiere costituiscono risorse naturali ed economiche insostituibili e per tutelarne l’integrità è di fondamentale importanza una loro gestione sostenibile sia a livello ambientale che economico. I diversi equilibri presenti lungo i confini terra-acqua richiedono un approccio sistemico nel valutare tutti gli interventi che rischiano di modificarne gli assetti fino ad un punto di non ritorno. A questo si devono aggiungere le implicazioni dei cambiamenti climatici: aumento del rischio, perdita di territorio e infrastrutture, forti danni economici.

Il workshop “Tecnologie geomatiche per l’osservazione dell’ambiente costiero” ha radunato universitari e tecnici governativi con l’obiettivo di stimolare la ricerca su argomenti con elevato carattere interdisciplinare e dimostrare come lo stato dell’arte delle tecnologie geomatiche ne faccia già uno strumento pratico per lo studio e la comprensione delle dinamiche ambientali. L’impiego di sensori satellitari ad alta risoluzione, ottici e radar (SPOT 5, Ikonos, QuickBird, GeoEye-1, ecc.) permette ad esempio un processing di elevato dettaglio con risoluzione al suolo da 5 a 0,4 m, tempi di rivisitazione da 14 gg a meno di 3 gg, acquisizione in un’unica scena di vaste porzioni di territorio, con informazioni continue sullo stato delle coste, dei mari e delle acque interne al fine di valutare fenomeni di erosione costiera e di inquinamento.

Tra le principali attività in cui il nostro Paese è impegnato, oltre al “Piano nazionale di telerilevamento” che prevede l’acquisizione mediante tecniche lidar delle aree costiere, sono in via di sviluppo da parte dell’Agenzia Spaziale Italiana progetti pilota applicati al rischio per: incendi, fuoriuscita di idrocarburi, inquinamento atmosferico, attività vulcanica e sismica, allagamenti e frane.

Si riportano di seguito la raccolta degli abstract, la relazione introduttiva e le relazioni presentate al workshop.

Relazioni:

Sessione I – Morfologia Costiera
Sessione II – Misure Remote in Ambiente Costiero
Sessione III – Vegetazione Costiera
Sessione IV – Organismi di Controllo e Monitoraggio Aree Costiere

Programma dell'evento