Sezioni

ATTIVITÀ INTERNAZIONALI

ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor)

ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) costituisce una tappa fondamentale nel cammino verso la realizzazione di reattori commerciali a fusione. Tale cammino, muovendo dall’attuale generazione di macchine in operazione, quali JET - ma anche FTU, Asdex, Tore Supra (per limitarsi a quelle europee) - prevede la costruzione di ITER a Cadarache (F) e, in parallelo, lo sviluppo di un programma collaterale che fornisca gli elementi scientifici ma soprattutto tecnologici, detto “di accompagnamento” ad ITER.

L’obiettivo programmatico di ITER è di dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica della fusione nucleare per scopi pacifici. Sulla base delle informazioni derivate dal programma complessivo verrà progettato e costruito successivamente un reattore dimostrativo (DEMO) che immetterà potenza nella rete.

Per quanto riguarda la realizzazione di ITER, l’accordo prevede la collaborazione di sette partner: UE, Cina, Corea del Sud, India, Giappone, Federazione Russa, USA.

Nel quadro europeo assume un’importanza fondamentale il ruolo delle Associazioni. Solo queste, infatti, posseggono il know-how necessario a fornire supporto alle industrie europee nella realizzazione dei componenti di ITER. Le Associazioni dovranno anche implementare il programma di accompagnamento (comprese le attività sul JET) e lo sviluppo delle tecnologie per DEMO (Long Term).

L’ENEA partecipa alla progettazione di ITER attraverso l’EFDA (European Fusion Development Agreement), dando sostanziali contributi nei campi della superconduttività, dei componenti interfacciati al plasma, della neutronica, della sicurezza, del remote handling e della fisica.